Perchè tornare indietro? Il senso di Reinvention 2015… ed è già il nuovo!

Il bisogno di Kalosf di riguardare i suoi percorsi è qualcosa di profondamente radicato nel suo modo di esserci in questa storia. Il cammino percorso e solo quello, indica i vettori del futuro. In questi giorni vi ho voluto proporre questi post in qualche modo riassuntivi, perchè con una pubblicazione continua come quella di Kalosf, si rischia di perdere le coordinate e di fermarsi al singolo evento creativo/fotografico, senza cogliere l’insieme. Ripercorrere con voi il 2014 (le foto a mio giudizio più significative) e gli “speciali” di Reinvention, ha proprio questo senso: rivedere il cammino compiuto per lanciarci nel nuovo, che esiste solo su quanto già proposto. Infine le tematiche di Kalosf, fotografiche o legate alla scrittura, vi sono familiari. Avete imparato a conoscere Kalosf, in alcuni casi ad amarlo (perfino nei suoi complessi voli pindarici), è divenuto una presenza costante sul vostro wordpress, ma Kalosf ha una sua storia, ha un suo senso che si va rinnovando ma che in effetti era presente in nuce sin dall’inizio.

L’emozione di riguardarsi mentre le rughe iniziano a solcare il volto, mentre la vita raggiunge la sua pienezza ed inizia il suo lento declino è un atto di coraggio. Oggi non siamo quelli di ieri, ma non siamo nemmeno quelli di domani. Eppure il domani è già nascosto in quel che abbiamo vissuto ieri, in quel che si perde nelle sorgenti ancestrali del tempo, che inizia a scorrere quando lo sperma incontra l’ovulo e misteriosamente comincia a dar vita ad un essere vivente, il cui primo atto è una scissione cellulare, ossia un dar vita al tempo.

La stessa cosa vale per Kalosf. Man mano che le fotografie scorrono, giorno dopo giorno dinanzi ai vostri occhi, man mano che i colori, le storie, gli scritti, si affastellano, lo vediamo crescere insieme, evolversi. Lo vediamo generare il suo tempo, che breve o lungo che sia assume ogni giorno il suo significato. E nel suo significato trova il suo senso.

Questa conclusione così ampia di un percorso lunghissimo, iniziato ad agosto con le astrazioni, continuato con Mysterium Fidei per tutto settembre (che erano in consequenzialità) e terminato con il Reinvention 2015 (iniziato in effetti durante Mysterium con i post d’insieme sulla bellezza) è in realtà un unicum. Ciò che siamo stati è ciò che sarà. Ciò che saremo è ciò che siamo stati. Eppure il futuro non è il passato ed ogni passo è un salire in modo spiralico, come una coclea  nella quale ogni scalino sembra uguale ma è diverso e si pone leggermente più in alto del precedente.

…perchè in fondo il cammino di ciascuno è un’astrazione che tende verso la bellezza, comprensibile solo alla luce del passato. Grazie a tutti voi, per aver voluto seguire Kalosf in questo percorso. E grazie a chi vorrà ancora seguirlo. Perchè c’è un tempo per tutto. E Kalosf è, come ciascuno, gravido del suo tempo.

IMG_8742.JPG

(Ringrazio la mia amica Monica per questa foto della nipotina che io ho solo editato…come le altre che vedrete tra qualche giorno 😉

16 pensieri su “Perchè tornare indietro? Il senso di Reinvention 2015… ed è già il nuovo!

  1. Interessantissima dissertazione sul perchè tornare indietro….molto bello il secondo capoverso…bravissimo Kalosf. Sei in gamba ed è vero che c’è un tempo per tutto. Buona serata bisous

  2. I percorsi che affrontiamo nella vita nascono dal passato già da quando nasciamo, il presente è anche frutto del passato, il futuro può essere frutto del passato ma non sempre è così, a volte l’attimo che si va a vivere è nato dall’esemporaneetà del presente. I tuoi percorsi secondo me sono un altalena tra tutte e tre le fasce del tempo: affondi nel passato con alcune immagini, scatti il presente e vai verso il futuro (non so perchè la verticalità che hai usato spesso, anzi no, quasi sempre me lo ha fatto pensare)….Il tempo scorre e cosa meglio delle immagini che abbiamo impresso per sempre (su pellicola, cellulare o quant’altro) ne è la conferma e ne è la bellezza?
    Grazie a te per ciò che mi hai dato fino ad ora, per le emozioni e per la “bellezza” che mi hai mostrato. E’ vero, c’è un tempo per tutto e io il “tempo” lo anelo sempre, forse perchè mi stava per essere sottratto, o semplicemente perchè ogni tempo vissuto e da vivere è il tutto della vita.
    Grazie ancora e ci sono.

  3. Si inizia a viaggiare da quanto ho capito. Beh speriamo di riuscire a tenere il passo, già sono parecchio in arretrato. Quando scrivi mi sembra di leggere un filosofo, uno studioso della mente umana e delle sue reazioni… Non è che alla fine scopriamo che Kalosf lo è veramente e ha usato tutto questo per una tesi di dottorato?? 😀
    Ciao, Pat

  4. Pingback: Il giorno più visitato di Kalosf | kalosf

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...