Il senso della Sagrada, il mistero di Gaudì

C’è un mondo. E ce n’è un altro. C’è un mondo che è il nostro. E ce n’è un altro. Un mondo che solo i visionari possono vedere, un mondo che solo radici profonde possono generare. C’è la vita. E c’è la Vita, che quando afferra trasforma l’uomo e gli permette di vedere l’invisibile nascosto nel visibile e di renderlo manifesto, di trasformare la materia in spirito assoluto, in elevazione, in visione. Entrare nella Sagrada Familia ha significato piangere. Piangere per la gioia di essere ammesso alla visione. Per un attimo i muri si smaterializzano e ci si trova nella luce, in quella luce che non è purezza cristallina, ma colore, immersione nello spazio dell’iride, nella sua immensa profondità.

DSCF2176DSCF2183

Gaudì non è un modernista. Gaudì è un mistico. E’ il punto più alto e contemporaneamente il punto più critico del modernismo. La sua esperienza non è significata dalla conoscenza dell’architettura, ma dalla conoscenza della Luce e dalla estrema capacità di rendere la luce carnale, di trasformarla in materia viva. La Sagrada è solo l’apogeo di un percorso che si trasverbera di già nell’intuizione di casa Guell, dove il percorso metaforico dagli inferi al cielo, diviene spazio reale, con un tetto “bucato” per apparire come un cielo stellato. O ancora della famosissima (e purtroppo fin troppo modaiolamente turistica) Casa Batllò, dove l’immersione è nelle acque battesimali, spinte al punto da diventare luce possente che dal cielo si irradia verso il basso, distruggendo qualsiasi creatura della notte. La Sagrada è il frutto di una fede, di una fede intensissima, che costruisce archi catenari non solo per alleggerire qualsiasi peso, ma perchè nell’arco catenario è nascosto il senso del “come in cielo così in terra”.

La Sagrada è l’espressione massima ed incompiuta di questo genio, che risveglia il senso dell’opera comunitaria, che genera un progetto senza definirlo, che costruisce definendo sapendo che la sua opera verrà portata avanti da altri, quando ancora la tecnica per farlo non esiste. La Sagrada è un enorme percorso che innalza al cielo, che spinge lo sguardo non verso  la sua immensità verticale, ma oltre, direttamente verso il cielo, che penetra con la sua presenza perfino il tetto.

DSCF2171DSCF2173

Sbaglia chi entra in Sagrada pensando di entrare in una chiesa, per quanto bella. Chi entra in essa viene ammesso direttamente alla visione, ad un’estasi talmente potente che nemmeno l’inutile cicaleccio dei turisti riesce a spegnere. Viene ammesso direttamente a ciò che sarà, alla fede che vivrà, alla speranza che essa esplicita. Speranza per la quale la luce, un giorno, invaderà ogni cosa, passando attraverso la materia come i raggi del sole attraversano una foresta immensa. Gaudì fu un uomo nella sua piena maturità di mistico.
DSCF2165

La sua opera è espressione di questa intensità, di questa bellezza, con la quale egli vedeva il mondo. Le facciate della chiesa, pur bellissime, non esplicitano l’immenso spazio dell’interno. Il suo genio in realtà non era un genio semplicemente umano, ma espressione di uno spirito assoluto, di una trasverberazione di grazia che ogni giorno diviene sempre di più esperienza esistenziale, fino alla fine, realmente mistica, in quel corpo lacerato da un tram che nessuno riconosce. In quel corpo da povero le cui fattezze nessuno riconobbe e che proprio per questo non potè essere salvato dalla morte. Ma in fondo Gaudì, a quel tempo, non esisteva più. La sua vita era nella sua opera. E la sua opera non era null’altro che l’espressione della Luce.

Annunci

32 pensieri su “Il senso della Sagrada, il mistero di Gaudì

  1. Bellissimo Sandro. Bello il tuo sentire e le tue emozioni. Entrare dell’opera visionaria di un genio è un privilegio, mi domando quanto davvero si rendano conto di questo. Perdona il paragone forse irriverente ma ho provato le stesse sensazioni davanti alle folli visioni di Hieronymus Bosh, sei lì ad occhi spalancati e ti chiedi solo come…..

  2. Gaudì genio e visionario. Il concetto mi piace. In fondo tutti i geni sono dei visionari, spesso mal compresi dalla propria epoca…ci vuol tempo per poter capire ed apprezzare certe opere, frutto di capacità che trascendono l’umana comprensione…

  3. Complimenti per il post non c’è dubbio che oltre il genio c’era una grande fede…. ma ho una domanda se puoi rispondermi… Avrà lasciato disegni e schizzi per proseguire la sua opera dopo la morte, ma come faceva sapere se l’avrebbero continuato fino ad oggi con materiali e tecniche più avanzate?… (forse è sciocca , perché forse era convinto di finirla) ciao Sandro

    • Ciao Marina, no lui sapeva di non poterla finire in vita, anche per la vastità della costruzione. Lasciò parecchi bozzetti e modellini. Purtroppo quando i repubblicani entrarono in Barcellona, in opposizione a Franco, molti di questi modellini vennero distrutti insieme al suo studio. Il furore e la stupidità delle rivoluzioni in genere si muove così. Con pazienza i pezzi furono raccolti ed in parte ricostruiti (oggi si possono vedere all’interno del museo allestito proprio nella Sagrada) e da quei pezzi si è andati avanti. Tieni presente che nonostante tutto al tempo di Gaudì egli stesso doveva inventarsi gli strumenti volta per volta per raggiungere l’obiettivo architettonico. Oggi con il computer ancora certi suoi passaggi sono talmente geniali e dirompenti che gli ingegneri e gli architetti devono creare animazioni apposite per rendere possibile la realizzazione plastica delle sue intuizioni. Davvero un grandissimo.

  4. La visita alla Sagrada mi ha generato un intenso senso di smarrimento, mai provato prima, pare “contenere” pur senza contenerlo, il segreto dell’immenso, non solo per la luce, ma per le potenti proiezioni verso l’alto, che trascendono i limiti delle coperture delle volte. E’ grazie al genio di Gaudì che le strutture finalmente “rampano” verticalizzate all’estremo verso il cielo, finalmente liberi dalle stampelle degli archi rampanti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...