Ispirazione 

Il percorso che vi propongo questo mese torna un pó alle origini di kalosf, alla sua passione per la luce. Le fotografie che vi offrirò, di natura diversa, hanno come conduttore dei titoli il tema che più ha ispirato questi anni di presenza su wordpress. Non sempre la luce sarà evidente fotograficamente, a volte sarà presente solo come suggestione, ma lo sguardo attento di voi che seguite con pazienza le spirali emozionali di kalosf, saprà certamente riconoscerla. La luce è uno stato, è un certo modo di esserci attraverso lo spazio. È sostanza nascosta delle cose e loro rivelazione. In fondo il buio esiste solo come sottrazione di luce. Ed è per questo che non esiste piega della nostra esistenza che non sia illuminata, per eccesso o per difetto. In questo mese racconterò attraverso la luce, una storia. La affido a chi la saprà cogliere. Un abbraccio a tutti. 

Annunci

Il Regno delle Dodici Porte (6)

Fu in quei giorni che il popolo decise che non si sarebbe mai più affidato a nessuno, se non a chi avesse risposto alla profezia. E solo un Segno dello Splendore avrebbe potuto ratificare quella presenza.

La dodicesima porta intanto rimaneva aperta, ma nessuno ormai la oltrepassava più. Le invasioni si erano fermate. Il deserto era sempre più arido e la Sorgente sola scorreva garantendo vita. Poi una notte vi fu un segno misterioso. Lo Splendore brillò e si mostrò ai cittadini. Era una notte densa, come un fluido che si taglia con il coltello. Nel momento in cui lo Splendore si mostrò, i cittadini videro come un bosco intorno alla città, il bosco era buio come la notte e vedevano muoversi in esso uomini ed ombre. Ogni tanto una luce veloce come un piccolissimo fuoco spezzava quelle tenebre. Ma era un senso di gelo che riempiva ogni cosa. Come se tutto fosse molto veloce. Le figure si trasformavano, i volti si tendevano. Eppure i cittadini percepivano bisogni non detti e non riflessi. Solitudini infinite che si manifestavano come ombre alle spalle di ciascuno. Poi in quel luogo giunse una fiamma. Come un fuoco momentaneo. Tutti la videro. Era l’ombra di un fuoco più che un fuoco in se stesso. E andava da un luogo all’altro come cercando. Poi la fiamma si spense nei meandri del bosco. E giunse un’altra luce, questa volta come di lucerniere. Anch’essa brillava. La sua luce durò meno. Poi si spense. E fu silenzio.

Il bosco svanì nel nulla e lo Splendore si ritirò nel Santuario. I cittadini guardarono e mentre albeggiava, fuori dalla città era solo il deserto. Non era rimasto nessun albero, nessun bosco, solo le sabbie. Ed in lontananza in un punto lontanissimo tra le dune un puntolino che avanzava quasi trascinandosi verso la città. Nessuno sapeva chi fosse quell’uomo, nessuno ne conosceva il passato ed il presente. Man mano che si avvicinava videro il fuoco brillare tra i suoi capelli e l’azzurro splendere nei suoi occhi. Il Pellegrino stava per giungere alla città… Ma la sua storia verrà raccontata un’altra volta, in altri canti…

 

Il Regno delle Dodici Porte (5)

Dopo quegli eventi seguirono vent’anni di invasioni. Popoli sconosciuti invasero più volte il Regno mentre la Porta Dodicesima restava sempre aperta. In alcuni casi furono i cittadini stessi a richiedere l’aiuto di popoli stranieri. Ma ogni qual volta una nuova razza oltrepassava la Dodicesima Porta si instaurava un regno ed un tempo di dolore e di orrore. Passaggi veloci, razzie, violenze, tutto senza che dal Santuario provenisse alcun segno. Ed i tempi del dolore si prolungavano. La città impoveriva, e mentre accadeva si cristallizzava. Una malattia misteriosa ne aveva invaso le mura e le porte. Come una patina di ghiaccio che iniziava a ricoprire ogni cosa. La città brillava al sole ma non per lo splendore delle sue mura, quanto per il gelo del ghiaccio.

Fu allora che giunse l’Esule.

La sua venuta fu salutata come quella di un possibile salvatore. Negli 8 anni della sua presenza il male della città si bloccò ma l’Esule non era fatto per restare. I cittadini sapevano che non sarebbe rimasto, ne avvertivano l’instabilità. Ed egli non comprendeva il senso del Santuario al centro della Città. Non comprendeva il mistero di quella Luce contenuta in esso. La dodicesima porta intanto continuava a restare aperta e fu nel secondo mese della sua presenza che avvenne la tempesta di sabbia. La più lacerante che mai fosse avvenuta. Il vento cominciò a soffiare con violenza ed iniziò ad alzare le sabbie del deserto. La città fu invasa dalle sabbie, molti cittadini morirono soffocati perché non c’era rifugio alla finissima sabbia bianca del deserto. Si salvarono in pochi ed il gelo intorno alle mura si sciolse. Poi anche l’Esule, come era arrivato, andò via.

 

Il Regno delle Dodici Porte (4)

Mentre il Padre era ancora nella città, giunse il primo custode. Poco si narra di lui. Si dice venisse dall’Occidente estremo. Ma il suo nome ed il suo operato sono ormai persi nell’oblio.

Poi il Padre finì la sua opera e venne chiamato in un altro Regno.

La città visse qualche anno di pace, fin quando 200 anni dopo, non giunse il secondo custode. La sua venuta è avvolta nella leggenda. Si racconta che egli abbia raggiunto la città in una notte invernale. In un dicembre freddo e gelato. Il suo arrivo non fu accompagnato da squilli di tromba. Entrò nella città nella notte. Silenziosamente. Il giorno dopo i cittadini lo trovarono seduto sulle scale del santuario. Il suo sguardo era limpido, ma il suo cuore in lotta. Tutti compresero che quell’uomo sarebbe stato una promessa ed una condanna per il Regno, ma nonostante ciò tutti percepivano l’importanza di quella presenza. Alle sue spalle vi era sempre come un ombra, come un fantasma fatto di polvere, che in alcuni giorni era più denso, in altri sembrava svanire. Non parlava molto, ma si curava del Regno con sollecitudine. Chi giungeva anche da lontano trovava accoglienza, ma andava via con un senso di freddo dentro il cuore. Il secondo custode resse il Regno per 70 anni. Poi in un giorno di gennaio, come era arrivato, disparve. Lacerò tutte le bandiere, distrusse le opere che aveva compiuto e svanì. Si racconta che avrebbe addirittura cercato di violare le porte del Santuario dello Splendore. Ma nessuno sa se questa vicenda sia vera o una pura invenzione. Di certo è che al suo svanire, di colpo, svanì anche il lago sul quale la città era costruita. Ed al suo posto, in una sola notte, si formò il deserto. Fu allora, in quegli anni terribili di arsura, che il popolo vide di nuovo il globo di luce. Esso valicò le porte del Santuario dello Splendore e si manifestò al popolo. Il suo apparire era come un gorgogliare. Apparve di notte ed i cittadini videro una luce provenire dal Santuario. Esso si fermò sopra la cuspide ed iniziò a scendere verso il basso, poggiandosi sul suolo. Fu allora che per la prima volta sentirono il rumore della Sorgente e videro dalla base del Santuario sgorgare un ruscello di acque limpidissime e fredde. Esse presero a scorrere lungo la città e ne raggiunsero il perimetro irrigando il deserto interno.

 

Il Regno delle Dodici Porte (3)

Durante i 90 anni della presenza del Padre, lo Splendore venne ad abitare nel recinto del Regno. Ciò avvenne dopo un tempo di tumulti. Nonostante la presenza del Padre, infatti, i cittadini si scontrarono e divisi in opposte fazioni (i pescatori, i contadini ed i signori) iniziarono a darsi guerra all’interno delle mura della città. Furono combattimenti sanguinosi ai quali il Padre assistette chiuso nel suo silenzio. Il dolore per la lacerazione della città che gli era stata affidata, lo colmava di lacrime, ma il suo mandato non gli permetteva di intervenire.

Poi fu la tragedia. In un giorno di settembre avvenne l’attacco finale. Gli uni contro gli altri, armati delle fiamme si scontrarono nel centro del Regno. E la città, come reagendo a tanto odio, implose. Rimasero in piedi solo le mura.

Il Padre uscì fuori dalle macerie ed il suo abito non ne era impolverato. Guardò ciò che restava della città e dei suoi abitanti e così parlò

Verrà il tempo in cui un sigillo di fiamma e cielo verrà posto sul tuo stipite.

E lo porterai sul braccio e sul cuore,

perché il sigillo d’oro e acqua marina ti renderà sicuro tra i regni del mondo.

E non temerai più invasioni e lotte,

perché il tuo santuario, quando la porta riceverà l’ultimo sigillo,

sarà innalzato più in alto di ogni santuario e vivrai nella pace

Fu in quel momento che dal cielo venne un rombo come di tuono e gli abitanti superstiti sentirono un Vento fortissimo soffiare ed invadere la città fin dalle sue fondamenta. Le 11 porte si aprirono tutte insieme, mentre la polvere delle macerie veniva soffiata via con potenza. Poi fu bonaccia. E fu allora che videro ciò che nessuno aveva mai visto: dall’est, lentamente, un globo infuocato si avvicinò alla città. Ne sentivano il calore divorante, come di un fuoco che arde ma non consuma. Potevano vedere le fiamme brillare ed ardere, ma non se ne percepiva l’origine. Il globo si fermò al centro della città, nella immensa piazza dalla quale a raggiera partivano tutte le vie.

Nessuno respirava. Solo il Padre si avvicinò e stese la mano. Dall’alto il globo iniziò a scendere. Lentamente. E mentre scendeva iniziò a brillare meno, fin quando non restò come una luce densa sopra la mano del Padre. Il volto dell’uomo brillava e solo allora i cittadini si accorsero di come egli fosse un inviato dallo Splendere e tutti dinanzi a lui ed al fuoco che sostava sulla sua mano, si inginocchiarono.

“Sia Pace” egli disse. E come in un istante i cuori si sedarono. “Questo è il luogo che lo Splendere, nello Splendore, ha scelto. Qui sarà edificato il Santuario della Profezia. Da oggi in poi Egli abiterà sempre con voi. Ogni giorno, sino alla fine del migrare dei secoli”.

Fu così che dalle macerie della città, con i resti di ciò che era stata, venne edificato il Santuario dello Splendore, come una cuspide verso il cielo. Al suo interno una sola stanza nella quale il globo di luce si lasciò racchiudere, perché il Santuario venne costruito attorno al globo, mentre il globo continuava a sostare nella città.

 

Il Regno delle Dodici Porte (2)

Inizialmente il Regno era un luogo disabitato, ma la vicinanza con il Lago della Luce e quei margini luminosi, iniziarono ad attrarre abitanti. Poche famiglie si stabilirono nel perimetro e lentamente iniziarono a costruire delle mura. Che si ricordi, nonostante i confini splendessero, le mura originarie erano molto più piccole e fragili di quelle che successivamente circondarono il Regno. Allora non era stata ancora donata la profezia alla Città, né coloro che vi abitavano sapevano dei custodi che si sarebbero succeduti e del Pellegrino che infine sarebbe giunto. I tempi dei quali le cronache narrano sono tempi lontanissimi e la leggenda si confonde con la storia e questa con il mito.

18 lunghi secoli passarono dalla fondazione del Regno, quando finalmente si iniziò la costruzione delle mura perimetrali e la loro istituzione si deve a colui che viene chiamato il Padre. Egli con un lavoro durato 90 anni edificò le mura e le fece massicce, chiudendole con 12 porte preziose. Per ogni porta piantò un diverso fiore che ne custodisse l’ingresso e l’uscita. Una sola non chiuse, quella che si sarebbe chiusa a suo tempo con il Fiore della Vita e della Morte.  

 

Il Regno delle Dodici Porte (1)

All’inizio, quando il mondo non esisteva e solo il Silenzio governava sul nulla, la Luce rifulse ed era lo Splendente, lo Splesso e lo Splendore. In un solo momento, in uno sfolgorio abbagliante ogni cosa venne creata. E tutto risplendeva della Luce senza che questa potesse attutirsi.

Fu allora, in quel momento che il Regno delle Dodici Porte venne generato nella luce. Ma i tempi millenari dovevano passare prima che esso prendesse una forma. Ai tempi della sua fondazione lo Splesso era già venuto al mondo da quasi due millenni ed ancora si narravano le sue gesta e del suo incontro con Hertom sul colle più alto.

I concreatori  del Regno furono, secondo le più antiche fonti affidate alla memoria degli uomini, Elco ed Alle. Essi erano giunti dopo un lungo camminare alle sponde del Lago della Luce. Erano passati 70 anni da quando avevano iniziato il cammino e nel momento in cui arrivarono sulle sponde del Lago, seppero che quello era il luogo dove edificare il Regno delle Dodici Porte. Allora essi non avevano coscienza di quello che esso sarebbe stato, non ne pensavano la storia. Le cronache più antiche raccontano che essi posero una pietra al centro del perimetro che disegnarono con l’Acqua del Lago di Luce. E finito il loro compito svanirono, così com’erano giunti.