Ispirazione 

Il percorso che vi propongo questo mese torna un pó alle origini di kalosf, alla sua passione per la luce. Le fotografie che vi offrirò, di natura diversa, hanno come conduttore dei titoli il tema che più ha ispirato questi anni di presenza su wordpress. Non sempre la luce sarà evidente fotograficamente, a volte sarà presente solo come suggestione, ma lo sguardo attento di voi che seguite con pazienza le spirali emozionali di kalosf, saprà certamente riconoscerla. La luce è uno stato, è un certo modo di esserci attraverso lo spazio. È sostanza nascosta delle cose e loro rivelazione. In fondo il buio esiste solo come sottrazione di luce. Ed è per questo che non esiste piega della nostra esistenza che non sia illuminata, per eccesso o per difetto. In questo mese racconterò attraverso la luce, una storia. La affido a chi la saprà cogliere. Un abbraccio a tutti. 

…perchè l’eleganza è una questione di scelta

La bellezza di una persona (come di un oggetto), risiede nella sua eleganza, in quello stile particolare che contraddistingue e unifica. Il termine e-legante, infatti, proviene dal latino e-ligere e significa “scegliere tra molte cose”.

L’eleganza è perciò una questione di scelta, un modo di camminare la realtà assumendone delle parti e tralasciandone altre. E’ una questione interiore di armonia tra la parte ed il tutto, senza necessaria corrispondenza alla bellezza estetica, a volte perfino esclusa.

L’eleganza è perciò un evento realmente carnale. Essa manifesta all’esterno un modo di esserci interiore dell’individuo. Esprime una modalità di incontrare il mondo e le relazioni.

Elegante non è il maestro di stile, ma l’uomo incarnato, colui che sa discernere, vedendo dentro la realtà. E lo fa con dignità, attraverso la carne e la storia che gli sono dati. Senza fughe o ripieghi. Ma incedendo, elegantemente. Come solo chi ha coscienza della propria dignità può fare (per quanto tozzo o apparentemente “sbagliato”).

 

Lacustre

La carne poi è trasverberazione.

E’ possibilità.

Essa in fondo, non è sostanza in se stessa, ma apparenza di un qualcosa che sfugge. E non mi riferisco qui all’anima (la carne non è sottomessa all’anima, nè l’anima, qualora esistesse, alla carne), ma a ciò che è il destino della carne.

La grande contraddizione della morte non è infatti l’ultima parola dell’esistente. Il corpo ha un’attesa che lo supera. La sua grandezza non sta nel suo frantumarsi e devastarsi tra le zolle di un silenzioso pezzo di terra.

La speranza della carne è più violenta. E’ immensa. Essa, ogni cellelula, ogni pezzo di DNA sa che la vita non si conclude, che è chiamata, calamitata verso un qualcosa di diverso, non di “eterno” ma di “esistente”. Un prototipo.

La carne è divina. La sua coscienza è la percezione della propria divinità. Iscritta profondamente nel suo esserci nel mondo.

Queste foto, rappresentano allora ancora il superamento della realtà a favore dello spazio della bellezza e della possibilità del nostro camminare carnale nell’Esistente, rendendolo in qualche modo, visibile.

Il senso della Sagrada, il mistero di Gaudì

C’è un mondo. E ce n’è un altro. C’è un mondo che è il nostro. E ce n’è un altro. Un mondo che solo i visionari possono vedere, un mondo che solo radici profonde possono generare. C’è la vita. E c’è la Vita, che quando afferra trasforma l’uomo e gli permette di vedere l’invisibile nascosto nel visibile e di renderlo manifesto, di trasformare la materia in spirito assoluto, in elevazione, in visione. Entrare nella Sagrada Familia ha significato piangere. Piangere per la gioia di essere ammesso alla visione. Per un attimo i muri si smaterializzano e ci si trova nella luce, in quella luce che non è purezza cristallina, ma colore, immersione nello spazio dell’iride, nella sua immensa profondità.

DSCF2176DSCF2183

Gaudì non è un modernista. Gaudì è un mistico. E’ il punto più alto e contemporaneamente il punto più critico del modernismo. La sua esperienza non è significata dalla conoscenza dell’architettura, ma dalla conoscenza della Luce e dalla estrema capacità di rendere la luce carnale, di trasformarla in materia viva. La Sagrada è solo l’apogeo di un percorso che si trasverbera di già nell’intuizione di casa Guell, dove il percorso metaforico dagli inferi al cielo, diviene spazio reale, con un tetto “bucato” per apparire come un cielo stellato. O ancora della famosissima (e purtroppo fin troppo modaiolamente turistica) Casa Batllò, dove l’immersione è nelle acque battesimali, spinte al punto da diventare luce possente che dal cielo si irradia verso il basso, distruggendo qualsiasi creatura della notte. La Sagrada è il frutto di una fede, di una fede intensissima, che costruisce archi catenari non solo per alleggerire qualsiasi peso, ma perchè nell’arco catenario è nascosto il senso del “come in cielo così in terra”.

La Sagrada è l’espressione massima ed incompiuta di questo genio, che risveglia il senso dell’opera comunitaria, che genera un progetto senza definirlo, che costruisce definendo sapendo che la sua opera verrà portata avanti da altri, quando ancora la tecnica per farlo non esiste. La Sagrada è un enorme percorso che innalza al cielo, che spinge lo sguardo non verso  la sua immensità verticale, ma oltre, direttamente verso il cielo, che penetra con la sua presenza perfino il tetto.

DSCF2171DSCF2173

Sbaglia chi entra in Sagrada pensando di entrare in una chiesa, per quanto bella. Chi entra in essa viene ammesso direttamente alla visione, ad un’estasi talmente potente che nemmeno l’inutile cicaleccio dei turisti riesce a spegnere. Viene ammesso direttamente a ciò che sarà, alla fede che vivrà, alla speranza che essa esplicita. Speranza per la quale la luce, un giorno, invaderà ogni cosa, passando attraverso la materia come i raggi del sole attraversano una foresta immensa. Gaudì fu un uomo nella sua piena maturità di mistico.
DSCF2165

La sua opera è espressione di questa intensità, di questa bellezza, con la quale egli vedeva il mondo. Le facciate della chiesa, pur bellissime, non esplicitano l’immenso spazio dell’interno. Il suo genio in realtà non era un genio semplicemente umano, ma espressione di uno spirito assoluto, di una trasverberazione di grazia che ogni giorno diviene sempre di più esperienza esistenziale, fino alla fine, realmente mistica, in quel corpo lacerato da un tram che nessuno riconosce. In quel corpo da povero le cui fattezze nessuno riconobbe e che proprio per questo non potè essere salvato dalla morte. Ma in fondo Gaudì, a quel tempo, non esisteva più. La sua vita era nella sua opera. E la sua opera non era null’altro che l’espressione della Luce.